Svendita Ray Ban

In two days of targeted riots that began on 16 January 2015, violence across the northern African country of Niger has left ten people dead and over 70 churches are reported to have been destroyed. The rioters were protesting against the publication of a cartoon of Muhammad on the front cover of the French Charlie Hebdo magazine in France. More riots and protests occurred across many Muslim majority countries, including many former French colonies..

La prima caratteristica di questo regista è senza dubbio la passione per l’avventura e per tutti quei generi snobbati e ancora oggi considerati “di intrattenimento”. Dalla filmografia di questo cineasta italiano emerge la sua voglia, quasi da ragazzino, di rivivere avvenimenti e vicende di grandi eroi, di sfuggire da un mondo, da un’Italia che si faceva più cupa, più triste (erano gli anni della Seconda Guerra Mondiale e del Dopoguerra) per fare dei film per tutti, che trasmettessero valori semplici, ma essenziali. Il popolo degli adolescenti l’ha amato per aver saputo mescolare spericolatamente letteratura e cinema, miscuglio che ha portato anche notevoli e decantate folgorazioni cinematografiche d’oltralpe.

Ma un giorno la posta si fa più alta: lavorare per il vecchio amico Rethrick ad un progetto segretissimo, per tre anni, in cambio di una quantità di denaro irrifiutabile. Buio. Ritroviamo Jennings, privo di ogni ricordo dei passati tre anni, con un conto in banca azzerato, una bella fidanzata di cui non ricorda che uno sguardo, l’FBI che lo bracca e gli uomini di Rethrick che vogliono ucciderlo.

Tre importantissimi registi appartenenti alla vecchia generazione ma ancora felicemente attivi nel contemporaneo dominano il palinsesto di venerdì sera. L’ultima prova del regista di origine ceca Milos Forman è ancora una biografia, come le pellicole migliori della sua produzione (Amadeus, Man on the Moon), ma limitata a una breve parentesi della vita del suo protagonista, e soprattutto dedita a raccontare un periodo storico in cui la cultura moderna viveva un’aspra lotta fra integralismo ecclesiastico e riformismo artistico. L’ultimo inquisitore (Sky 1, 21.00) è incentrato sulla difesa appassionata che il pittore Goya intraprese per la sua musa Inés, accusata di eresia dal tribunale della Chiesa.

Il film esce nelle sale grazie all’interesse di Oliver Stone, ma non riceve il successo sperato; la narrazione, a tratti onirica e surreale, è troppo dispersiva e la critica coglie un’immaturità stilistica che non gioverà alla fortuna commerciale del film. Ai grandi numeri non piace, gli appassionati di cinema indipendente la adorano.Point Break e Strange Days, le grandi opereIl 1991 è l’anno della svolta. Con l’adrenalinico Point Break Punto di rottura, la Bigelow riesce a conciliare la forza visionaria delle immagini con una storia travolgente che vede nei due protagonisti Keanu Reeves e Patrick Swayze i due rovesci della stessa sfida alle difficoltà della vita.

Lascia un commento