Montature Ray Ban Sole

Il ruolo le frutta il People’s Choice Award come protagonista femminile preferita in una nuova serie tv. La Thompson incarna una vivace e brillante giovane donna che lavora come cartoonist, disegnando la serie a fumetti “Caroline in the City”, ed è innamorata di un collega pittore che sbarca il lunario come colorista. In seguito, l’attrice non ottiene ruoli memorabili e le sue apparizioni sul grande e piccolo schermo si diradano.

Il supereroe Hancock altro non è che un mediocre costretto a diventare l’anima del mondo intero, la terribile coscienza della sua odiosa combinazione di bene e male. Un supereroe nato al cinema e mai uscito dal mondo dei fumetti, un corpo stigmatizzato dalla cattiveria della gente che lo riconosce immediatamente come diverso, come nemico. Will Smith, “benedetto” dal sogno americano di Muccino e attraversato dal ritmo swing di Mann, è ancora una volta “leggenda”, è ancora una volta il dolore eroico dell’essere.

Mel Gibson lo scarta per il ruolo di Gesù Cristo nel suo gore religioso The Passion (2004). A questo punto, Patric prima si consola con l’antimilitarismo de Nella valle di Elah (2007) con Susan Sarandon, poi con il drammatico La custode di mia sorella (2009) con Cameron Diaz e infine sui palcoscenici di Broadway, portando in scena “La gatta sul tetto che scotta” con Ashley Judd, Ned Beatty e Margo Martindale. E non dimentichiamo che la consolazione maggiore arriva dal suo letto, che condivide con la fidanzata fotomodella Christy Turlington..

Quello che forse l’ha “salvato”, come racconta, è proprio la particolarità di quel primo film, che, per i suoi caratteri insoliti, finisce coll’essere la vera star e coll’eclissare un poco gli attori protagonisti Joshua pensa che forse troppa fama da giovane l’avrebbe trasformato in qualcuno che non voleva essere. Inoltre non può che avere un fantastico ricordo dell’esperienza, in quanto è quella che lo riavvicina al mondo dello spettacolo da cui aveva voluto allontanarsi nonostante i genitori l’avessero spinto in quella direzione già da piccolo. E poi, diversi anni dopo, è la volta di Humpday, film in cui si lascia grazie all’amicizia con l’altro attore protagonista, Mark Duplass, e alla stima per i suoi lavori, fra i quali Baghead e The puffy chair.

“Se Fabrizio Corona vuole vendicarsi di Bélen, si trovi un’altra vittima!” ha sottolineato Catrinel MarlonGiornalista, Opinionista, Conduttrice Radio e tv e Blogger. Anticipa, o, talvolta, crea tendenze e le lancia sulle testate con le quali collabora, tra quotidiani, settimanali, mensili, radio, internet, tv. Modera presentazioni di libri e partecipa come opinionista ad alcune trasmissioni.

Lascia un commento