Ray Ban Uomo 2016

I momenti memorabili per lo spettatore sono decine, ogni svolta narrativa, ogni sequenza: i nazisti dell’Illinois (“io odio i nazisti dell’Illinois”, impreca Jack/Belushi), il megaconcerto al Palace Hotel, l’inseguimento con decine e decine di auto distrutte E poi c’è l’invincibilità dei Blues Brothers che come due cartoni animati, o come fossero Stanlio e Olio, non si scompongono mai e si mettono a cantare perfino in cella un Jailhouse Rock di Elvis che fa tremare di paura ancora oggi il defunto re del rock and roll. C’è poi John Candy, indimenticabile poliziotto che se la ride quanto e come i fratelli Blues; c’è Steven Spielberg che fa l’impiegato dell’ufficio delle tasse; le coreografie in strada sulle note del pezzo di Ray Charles, ecc. E ancora una volta c’è la libertà di un cinema ancora bigger than life, fracassone e coinvolgente, c’è la voglia di stupire e farsi meravigliosamente male sul set come quando Landis racconta che spesso col tecnico del suono si nascondeva sotto i sedili dietro della Bluesmobile e riprendeva tutto in presa diretta tra corse e frenate..

L tratta il figlio come la sua Anna Freud e, tra i molti esperimenti a cui lo sottopone, c il tentativo di replicare il caso Kitty Genovese, la donna uccisa davanti ai vicini che fece teorizzare il cosiddetto “effetto spettatore” (più sono gli astanti e maggiore è l convinto che una cosa del genere non potrà mai accadere nella empatica comunità afro americana, prova a menare il figliolo per la strada e i passanti intervengono, sì, ma solo per contribuire al pestaggio. Ucciso dalla polizia, il padre lascia al figlio la fattoria, dove lui si mette a coltivare angurie e marijuana. A insaporire il tutto la problematica fidanzata Marpessa, una ragazza che guida l come Godard faceva cinema (in modo critico), e un vecchio attore rimasto così nella parte da chiedere a Me di fargli da schiavo, per quanto solo un quarto d al giorno (è pigro).

Per lui è intervenuta anche l’intelligenza senza le virgolette definendolo addirittura una delle grandi meraviglie dell’era contemporanea. Naturalmente c’erano delle qualità. Se non fosse stato per la sua duttilità e intelligenza, Schwarzy non sarebbe riuscito a superare i ruoli di personaggi alla Van Damme, Lundgren, Seagal, gente da cazzotti e arti marziali.

Nel frattempo, il teenager, determinato a mollare il liceo per fare il meccanico, è persuaso dal papà affinché concluda gli studi. Conseguita la maturità si impegna in diversi lavori, come quello di lavamacchine e addetto allo smistamento dei carrelli, presso un supermercato. Poi, il ragazzo viene impiegato in veste di barman al Castle Hotel, situato nella città natale: il suo passatempo preferito sarà quello di intrattenere i clienti con esilaranti sketch.Intenzionato, più che mai, ad intraprendere la carriera di mattatore, Eric si stabilisce a Sydney dove frequenta il National Institute of Dramatic Art (NIDA).

Lascia un commento