Ray Ban A Goccia A Specchio

Fascino manifesto e bellezza discreta. Jeanne Moreau ha rappresentato l’incarnazione della femminilità nella sua accezione più cerebrale. Meno materica dell’erotica Brigitte Bardot, a lei complementare, Jeanne Moreau è stata l’emblema più etereo dello charme.

Eccolo poi nelle vesti di un giovane George Harrison nel comico, Walk Hard: La storia di Dewey Cox. Nel 2009, dispensa aneddoti sull’universo maschile a Ginnifer Goodwin ne La verità è che non gli piaci abbastanza. Durante le riprese, scocca la scintilla tra i due colleghi che, tuttavia, non tarderà ad affievolirsi, poichè Long mollerà la sua partner per Drew Barrymore, anche lei incontrata sul set del romance di Ken Kwapis.

Tra un ragazzo impacciato ed innamorato il cui padre aspetta l della morte ormai imminente preannunciata da una veggente molti anni prima; ed ancora un uomo dal particolare fascino nell le ragazzine con una attrice che cerca di inscenare una rappresentazione per i pi piccini. Queste storie si intrecciano in una ricerca del tempo perso o da perdere in una dimensione sicuramente umana, ma alla fine il film non decolla mai, come detto, indugia su stesso, senza riuscire a dare un senso all lavoro.E un film lento e noioso. Gi dall non mi ha attirato molto ma a met film non ero coinvolta per niente, volevo che il film finisse al pi presto e non l lasciato a met solo perch ero curiosa di sapere come andasse a finire, non amo lasciare a met i film.

Da La tarantola dal ventre nero (1971) con Stefania Sandrelli a Anche se volessi lavorare, che faccio? (1972) con Vittorio Caprioli, fino al drammatico Valeria dentro e fuori (1972) ancora con Gora. Nel 1974, sposa poi Luigi Borghese, dal quale avrà ben due figli: l’oggi chef Alessandro Borghese e il barman Massimiliano Borghese. Sfortunatamente poi il matrimonio si concluderà con una separazione.Scelta da Salce per L’anatra all’arancia (1975), per costrizione di Monica Vitti, che non voleva un’altra bionda nel film, accettò perfino di tagliarsi e scurirsi i capelli pur di lavorare accanto a Ugo Tognazzi.

Trova anche il tempo di costruire una famiglia e si sposa con una collega attrice, Angela Morant, da cui avrà due figli. Dopo il primo approccio con il teatro, si dedica alla TV e partecipa ad alcuni film commerciali di poco conto (il suo esordio cinematografico è del 1972 con lo sconosciuto Gli ultimi sei minuti di Michael Tuchner). Dopo aver divorziato dalla prima moglie, nel 1978 sposa Alison Sutcliffe, da cui avrà altri due figli.L’Oscar per l’interpretazione di GandhiIl salto di qualità avviene nel 1982 con il ruolo di Gandhi nel pluripremiato film biografico di Richard Attenborough, con il quale l’artista vince il premio Oscar e il Golden Globe come miglior attore protagonista e il BAFTA.

Lascia un commento